Ambiente

Roma

/

22/08/2022

Rifiuti, i cestini della vergogna: “Li svuotino i privati perché Ama non ce la fa”

CONDIVIDI

L’allarme del I Municipio: se la municipalizzata non ce la fa, consegni il servizio alle aziende private che si occupano di ristoranti, bar e negozi.

Se Ama non ce la fa a svuotare con puntualità i cestini in centro storico, consegni il servizio alle aziende private che si occupano di ristoranti, bar e negozi. Questo l’allarme lanciato direttamente dal I Municipio. Siamo agli estremi rimedi. Le piazze più belle della Capitale sono prese continuamente d’assalto: le contromisure fin qui sono risultate inefficaci. La presidente Lorenza Bonaccorsi ha buttato giù una nota con Stefano Marin, il suo assessore all’Ambiente, e ha proposto una soluzione ad Ama. Nella lettera inviata anche al Campidoglio e ai vigili urbani, la minisindaca è diretta: “Considerata la difficoltà di Ama nel sostenere il servizio di un periodico e capillare svuotamento dei cestini gettacarte distribuiti su tutto il territorio del I Municipio, teso a garantire una condizione di decoro urbano tale da rendere piazze e terrazze luoghi accoglienti e puliti per la comunità, si chiede di valutare la possibilità di affidare al prestatore (i privati che si occupano dei locali commerciali, ndr) la cura di tale servizio”.

L’elenco delle location da bollino rosso riguardano Stazione Termini, piazza dei Cinquecento, piazza della Repubblica, piazza dell’Esquilino, piazza Vittorio, pizza di San Giovanni in Laterano e lo slargo di fronte al Colosseo. Ancora, ci sono piazza Venezia e piazza d’Aracoeli, piazza Navona e i cestini davanti alla Fontana di Trevi e al Pantheon, in piazza della Rotonda. La lista continua con Montecitorio e piazza Barberini, piazza di Spagna e piazza del Popolo, per poi passare alla terrazza del Pincio. Sull’altra sponda del Tevere, ci sono pure piazza Cavour e piazza Mazzini, via della Conciliazione e piazza Trilussa. Seguono piazza Garibaldi e la sua terrazza, piazza di Santa Maria in Trastevere, piazza Orazio Giustiniani, piazza Testaccio, piazza di Santa Maria Liberatrice e la salita delle pendici dell’Aventino. Per chiudere, piazza dei Cavalieri di Malta, piazzale Ostiense e piazzale dei Partigiani. Se Ama non basta, è questa la nuova filosofia di chi lo governa, passi la mano e faccia intervenire le società che stanno portando risultati su ristoranti e negozi.

 

Foto Twitter

03/10/2022 

Politica

Il sindaco Gualtieri: “Consegnato progetto per lo stadio della Roma a Pietralata”

Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri si è espresso sulla consegna del progetto per il nuovo […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Eventi

Max Giusti al Sistina con “Il marchese del Grillo”

Il Marchese del Grillo torna al Teatro Sistina con Max Giusti protagonista.   Al teatro Sistina […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Cronaca

Incidente mortale sulla Nettunense: ha la peggio una donna romana di 70 anni

Incidente autonomo sulla Nettunense, nel territorio di Aprilia: perde la vita una donna di 70 anni. […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Cronaca

Incendio in un appartamento a Prati: le fiamme non si sono estese

Una domenica mattina di timori a Prati per gli abitanti di una palazzina dentro cui ha […]

leggi tutto...

03/10/2022 

Cronaca

San Carlo di Nancy, rompe una porta e aggredisce medici: arrestata

Sabato notte movimentato al San Carlo di Nancy, dove una donna di 48 anni ha aggredito […]

leggi tutto...

02/10/2022 

Sport

Roma, all’indomani della sfida contro l’Inter molti aspetti positivi: dagli infortuni recuperati al percorso di crescita

Roma che guarda con ottimismo al futuro dopo la bella sfida contro l’Inter. Il giorno dopo […]

leggi tutto...