Cronaca

Roma

/

16/11/2022

Tivoli truffano un’anziana, fermati e ritrovati in autostrada

CONDIVIDI

Fermati in autostrada due uomini, che sono stati trovati con soldi e gioielli. La coppia aveva raggirato un’anziana a Tivoli con le tecnica del figlio finito nei guai per una bega giudiziaria

Fermati in autostrada non hanno saputo dire agli agenti da dove stavano rientrando. Controllata la vettura i poliziotti hanno trovato soldi, gioielli ed un bancomat intestato da un’anziana signora residente nella provincia nord est della Capitale. Con uno dei due già gravato da un obbligo di dimora a Napoli per il reato di truffa agli anziani gli uomini della stradale hanno quindi ricostruito il tutto arrestando la coppia e restituendo il bottino alla donna, che poco prima aveva sporto denuncia al commissariato di polizia di Tivoli.

Come già accaduto in altre occasioni, a smascherare la coppia di truffatori sono stati gli agenti della sottosezione della polizia stradale di Cassino che hanno fermato domenica pomeriggio per un controllo una Fiat Panda che procedeva in direzione sud.

Durante il controllo dei documenti è emerso che uno dei due fermati tra i numerosi precedenti di polizia, aveva anche l’obbligo di dimora nel comune di Napoli, per il reato di truffa agli anziani. Inoltre entrambi hanno fornito versioni discordanti circa il loro viaggio. Gli agenti hanno quindi controllato l’auto e sottoposto a perquisizione i due uomini.

Indosso ad uno dei due i poliziotti hanno trovato 500 euro in contante ed una carta bancomat intestata ad una signora. Nel cruscotto è stato invece trovato e sequestrato un pacchetto con all’interno numerosi monili in oro. Da qui le indagini che hanno permesso agli agenti di ricostruire la truffa che la coppia aveva poco prima messa a segno a casa di una donna residente a Tivoli.

Un modus operandi assodato: dopo aver ricevuto una telefonata da una persona che le riferiva che suo figlio aveva bisogno di denaro per evitare un problema giudiziario, poco dopo presso l’abitazione della signora si è presentato un uomo che si era fatto consegnare il denaro per risolvere la bega legale del parente. Proprio quest’ultimo è stato poi identificato dalla vittima, che nel frattempo si era recata in polizia per denunciare la truffa.

I due uomini, su disposizione dell’autorità giudiziaria, sono stati arrestati ed associati in carcere a Cassino.

Fonte: Roma today

22/03/2023 

Cronaca

Primo ciak a Roma per i Gladiatori di Emmerich

Primo ciak a Cinecittà per Those to die (Quelli che stanno per morire): l’epopea dei gladiatori […]

leggi tutto...

22/03/2023 

Cronaca

Soldati di Kiev a Sabaudia, ‘cittadini a rischio’

Una ventina di militari ucraini che si addestrano all’uso dei sistemi di difesa missilistica nella caserma […]

leggi tutto...

22/03/2023 

Cronaca

Maglia ‘Hitlerson’ al derby, Abodi annuncia interventi

In tribuna un tifoso laziale indossa la maglia della sua squadra del cuore. Sulle sue spalle […]

leggi tutto...

22/03/2023 

Cronaca

Omicidio Thomas Bricca: c’è un secondo indagato

C’è un secondo indagato per l’omicidio di Thomas Bricca, il 18enne di Alatri ucciso con un […]

leggi tutto...

21/03/2023 

Cultura

Dantedì, Rai Cinema lancia progetto multipiattaforma

In vista del Dantedì, la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri che si celebra il 25 […]

leggi tutto...

21/03/2023 

Cronaca

Tentata rapina in gioielleria a Roma, ferita la titolare

La proprietaria di una gioielleria è stata ferita nel corso di una tentata rapina a Roma. […]

leggi tutto...